L’editoria agonizzante e servizi sperimentali come Flattr

(Vecchi) Giornali

E’ apparso l’aggeggio senza tastiera per eccellenza e i pensatori, quelli che “avremo, saremo, faremo”, hanno precipitosamente pensato che il futuro dell’editoria abbia trovato il suo destino: gli utenti pagheranno per usufruire dei contenuti web su queste tavole lucide.

Come se, in Italia, il costante e progressivo ridursi del volume di quotidiani, riviste e libri acquistati sia dovuto al mezzo. Certo, io non compro quotidiani perchè le pagine sono troppo grandi. E non compro libri perchè pesano.

Come se, avere le pagine elettroniche che si sfogliano fighettosamente fosse stato, fino ad’ora, l’unico ostacolo alla diffusione degli ebook.

In più, alcune testate italiane hanno già cominciato a sperimentare barriere pecuniarie che, tecnicamente, sono al limite del ridicolo.

Io non ci credo. E non credo alle testate mainstream. Non credo nel loro lavoro. Non mi fido di quello che scrivono. Non mi fido della bontà delle notizie riportate. Non mi fido della loro attività di ricerca e verifica delle fonti. In sostanza, non mi fido di quella *informazione* dove la logica predominante è soltanto quella del Pageview.

Sono la trasposizione sul web delle TV generaliste, dove la logica è banalmente quella dello Share.

Il web è un mezzo diverso: inutile e forzato il tentativo di piegarlo ad un modello di business figlio dei vecchi media.

Gli utenti se ne accorgono. Sono loro che hanno il coltello dalla parte del manico. Sono loro che vanno ascoltati e coccolati. Sono loro che vanno seguiti attentamente nelle nicchie d’interesse e fidelizzati con informazione “di qualità”. E invece, gli editori ascoltano i produttori di hardware e i consulenti dalle previsioni banal-semplicistiche.

Ma siccome non si vive di Pane e Amore, un sistema per far vivere i professionisti e i meritevoli (ce ne sono un bel pò) deve essere trovato. La soluzione delle soluzioni non esiste, ma i tizi che sono dietro The Pirate Bay ne hanno inventata una, nata nel lontano 2007. Si chiama Flattr.

Due righe per spiegare come funziona: io lettore dedico una cifra, anche piccolissima, alla remunerazione di quel che leggo. Mentre vado a zonzo per il web, trovo qualcosa che mi soddisfa e clicco sul bottoncino apposito di flattr, una specie di “mi piace” stile FriendFeed, Facebook o Digg. A fine mese, la mia piccola somma verrà divisa tra tutti i siti sui quali ho cliccato l’icona flattr. In pratica un “mi piace” del lettore, equivale ad una microtransazione e ognuno riceve un dividendo relativo al numero totale di click effettuati in un mese di tempo da tutti i visistatori.

Dal punto di vista teorico il sistema mi convince: risolve in un colpo solo il problema dei micropagamenti e concretizza in modo matematico la tanto osannata meritocrazia.

Dal punto di vista pratico ci sono ancora degli aspetti che mi lasciano perplesso.

Non c’è alcun motivo per cui un lettore debba iscriversi a flattr di sua spontanea volontà. A meno che i siti non comincino a differenziare i contenuti per chi è loggato su flattr rispetto a chi non lo è. Ad esempio, presenza o meno di pubblicità o di video incorporati.

Il sistema è unico, di un’unica azienda. Non va bene. Non va mai bene, in qualsiasi contesto, quando una tecnologia, una risorsa o un potere sono in mano ad un’unica entità. Sarebbe davvero ottimo se flattr diventasse uno standard aperto, come lo è HTTP, SMTP, SSL, SIP ed altro sul web. Io lettore potrei decidere a quale società fornitrice del servizio flattr rivolgermi e il sistema dovrebbe funzionare sempre e comunque per ogni sito. Tali fornitori potrebbero anche essere Google, Facebook, Yahoo, Paypal, Ebay il quali potrebbero integrare i loro bottoncini “mi piace”, “like”, “buzz”, “digg”, “pizz” o “puzz” con il futuro ipotetico “protocollo flattr”.

Intanto, proviamolo: il servizio è in beta chiusa, non ci si può iscrivere e si deve attendere dopo una richiesta.

Oggi ho notato che posso invitare altri dal mio account: se vuoi iscriverti e provare palesati sui commenti (ho solo 3 inviti disponibili, al momento)

3 pensieri su “L’editoria agonizzante e servizi sperimentali come Flattr

  1. @emanuele è vero, vanno fatte un pò di cose: pensa che ho aggiornato da wp 2.1 pochi giorni fa. Il calzolaio va in giro con le scarpe rotte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *