Playlist Dj: la musica “umorale” ci fa compagnia

Con ben 48GB totali di spazio, è facile arrivare ad avere anche più di 500 canzoni in mp3 sull’N97.

Bene, benissimo, si dirà: già ma… cosa ascolto? L’imbarazzo della scelta è notevole. In più, dato che ascolto musica prevalentemente in auto, star lì a selezionare brani da mettere in playlist è un’operazione lunga, noiosa e rischiosa, dato che facilmente genera classici tamponamenti da distrazione.

Ci viene in aiuto un software interessante, che ha il nome di Playlist DJ (tradotto vergognosamente in italiano con “DJ Elenchi Di Riproduzione” ?! )

E’ gratuita, ma si dice che a breve sarà a pagamento, forse a un euro, ma li vale tutti.

Si tratta di un generatore di playlist “umorale” cioè basato sullo stato d’animo dell’utente e non sui classici filtri Artista, Album, Genere.

All’avvio appaiono quattro barre verticali, che si possono far scorrere da un minimo ad un massimo. Allegria, Passione, Incazzatura e Ritmo. Modificando i valori a seconda di come ci si sente verrà generata una playlist che potrebbe andare bene al nostro umore.

Avvio

Già, ma, come fa a sapere come si adattano i nostri mp3 ai 4 valori? Al primo avvio, e ogni volta che si aggiungono brani, l’applicazione legge i tag ID3 (quelli che contengono le informazioni sulla traccia) dei nuovi file e li invia tramite internet ad un database remoto, mantenuto dagli sviluppatori, sul quale viene profilato il brano.

Nuovi brani

Se avete dei brani con i tag ID3 correttamente valorizzati e tali brani sono presenti sul database remoto, l’operazione di profilazione sarà abbastanza veloce.

Scansione

In caso contrario, il brano verrà analizzato fisicamente nel suono che rappresenta e una sua impronta verrà inviata via internet. Vi accorgete che la profilazione è basata sul suono perchè la barra diventa blu e i tempi si allungano enormemente (è ovviamente consigliato fare tutto via wifi).

Fine scansione

E’ palese che se avete 10 brani, tutti death metal, quest’applicazione vi sarà poco utile. Se invece avete una buona varietà e quantità, i risultati saranno ottimi.

Generazione playlist

Ecco, per esempio, una playlist appena generata:

Lenti

E una invece dall’umore decisamente incazzato e furioso (conoscete Liquid Tension Experiment? Provatelo…):

Incazzati

Altra opzione interessante è la possibilità di generare una playlist anche a partire da un singolo brano: i restanti verranno associati grazie alla profilazione precedente.

Selezione singola

Quando una particolare playlist vi sembrerà interessante, potrete anche salvarla staticamente, in modo da poterla riprodurre con il lettore musicale standard.

Unica nota negativa: il player è un’istanza effettiva del lettore musicale di sistema ma essa non è legata in alcun modo, ad esempio, al widget del desktop, per cui non potrete “telecomandare” le tracce da li: spero risolvano, o almeno, costruiscano un loro widget dedicato.

4 pensieri su “Playlist Dj: la musica “umorale” ci fa compagnia

  1. SEmbra un po’ quello che fa Genius di Apple… che, per inciso, non ho mai voluto né provare né tantomeno usare.
    Mi garba poco l’idea che Apple (o chi per lei) ficchi il naso nelal mia libreria musicale… anche se l’idea non sembra malaccio, di per sé. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *