Sensori stradali a Milano, e allora?

Traffico MilanoNe parlavo a Febbraio.

Le strade di Milano sono cosparse di sensori ad immersione (nell’asfalto) che misurano il traffico in tempo reale. Ogni pochi metri, ogni veicolo transitante, viene conteggiato.

La massa immane di dati che ne deriva forma una mappa istantanea del traffico della città.

Il sistema pare sia costato parecchio.

Ecco come il Corriere ne immaginava l’evoluzione tecnologica: fantascienza.

Ora, va bene, non se ne è fatto più nulla ma… date questi dati al pubblico?

Perchè non fornite uno stream con i dati dei sensori su un server pubblico dove poi, operatori tlc, produttori di sistemi GPS, software vari (sia proprietari che open source), applicazioni per cellulari e chi più ne ha più ne metta, possano attingere ad essi, che son dati pubblici, generati dal pubblico, con sistemi pagati con soldi pubblici?

Eh no, facciamo l’Ecopass della minchia.

2 pensieri su “Sensori stradali a Milano, e allora?

  1. … e no… mio caro… l’investimento l’ho fatto io… e i dati me li tengo io… il web 2.0 nella vita non è ancora arrivato… poi nelle amministrazioni comunali… 🙂

  2. Pingback: Il tuo nuovo diritto, e il tuo nuovo dovere « Non volevo, davvero…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *